Comunicati

Comunicati (769)

23 Feb 2018

Amelia Mancini compie 108 anni a San Giovanni Teatino

La città si conferma un buon posto dove vivere bene e a lungo: "sono ben 169 gli ultra novantenni". Marinucci: "vivere qui è una bella garanzia di longevità"

 

Giornata di festa nella residenza per anziani Villa San Giovanni. La signora Amelia Mancini ha compiuto 108 anni. Un traguardo straordinario.  In Italia è al 93° posto per longevità, al quarto in Abruzzo. Una ricorrenza eccezionale alla quale hanno partecipato anche il Sindaco di San Giovanni Teatino Luciano Marinucci e il Vicesindaco Giorgio Di Clemente che ad Amelia hanno portato un bellissimo e profumato mazzo di fiori, con la dedica particolare: "108 baci del Sindaco Marinucci".

“In questa settimana - ha dichiarato Marinucci - abbiamo festeggiato due ultracentenarie a San Giovanni Teatino, mi verrebbe quasi da dire che vivere qui sia una bella garanzia di longevità! Boutade a parte, è sempre bello essere presente in queste ricorrenze, perché celebriamo l'esperienza di una vita, con l’affetto che tutta la nostra comunità sente di dare a queste nostre concittadine speciali”.

Amalia Mancini, vedova di Mario Lemme, è nata a Chieti il 22 febbraio 2010. Ha un figlio che vive in Svizzera e tre nipoti. Marisa Mancini, con il marito Cesare, ha partecipato alla festa nella sala mensa della residenza Villa San Giovanni dove è ospite dal luglio 2001. Seppur con qualche acciacco, Amelia è in buona salute.

"Una donna di grande temperamento. Carattere che ne ha segnato la lunga vita - racconta la nipote Marisa - Ha lavorato in una manifattura per tabacchi, in casa era precisa ed ordinata, e amava ricamare ad uncinetto".

In questa giornata speciale la signora Amelia è stata circondata dall'affetto degli ospiti della residenza, di tutto il personale e della direttrice Daniela Di Santo che le hanno fatto preparare una buonissima torta con tre candeline: a forma di uno, di zero e di otto".

 

21 Feb 2018

Avviso - Efficacia della Variante al Piano Regolatore Generale

21 Feb 2018

Linea Mattatoio/Linea Aterno - Lavori di taglio e deramificazione piante

 

20 Feb 2018

Nonna Anna spegne 103 candeline (video)

"E' stato un grandissimo onore poter festeggiare i 103 anni di Anna Di Palma con tutti i suoi familiari. Anna è una donna formidabile e le ho portato i miei auguri personali, del Sindaco Luciano Marinucci e di tutta l'Amministrazione comunale. Insieme abbiamo già celebrato il traguardo dei 100 anni ed ogni anno che passa, il 20 febbraio, è una gioia immensa essere qui a festeggiare e ci auguriamo di farlo per tanti anni ancora". Così il Vicesindaco Giorgio Di Clemente che oggi ha portato un profumato mazzo di fiori a nonna Anna che taglia lo straordinario traguardo dei 103 anni. Anna Di Palma è una san giovannese doc. A San Giovanni Teatino è nata e tuttora vive in via Aldo Moro. Ha perso il marito, Cesare Chiacchiaretta, nel 1944 nella seconda guerra mondiale. Una grande donna che ha cresciuto con grande forza i tre figli, Achille di 79, Matilde di 77 e Rachele di 75 anni. Oggi, nella sua straordinaria famiglia ci sono otto nipoti, sette maschi e una femmina, che le hanno regalato la gioia di ben 7 pronipoti, alcuni già teenager ed uno con il nome del bisnonno Cesare.

"Nonna Anna - ha dichiarato Di Clemente - è un meraviglioso esempio di longevità che la città di San Giovanni Teatino ha la fortuna e l'orgoglio di avere".

Senza alcun imbarazzo Anna Di Palma ha soffiato sulle candele e, addirittura, stappato la bottiglia di spumante. "Fino a 100 anni non sono stata mai in ospedale - racconta con un leggero sorriso mostrando la sua foto di quella ricorrenza, in piedi e in fascia tricolore - ora però ho qualche fastidioso acciacco di troppo e sono costretta a muovermi su di una sedia a rotelle.. ma solo per comodità".

20 Feb 2018

SGT Sport. Avviso per Revisore Legale dei Conti

16 Feb 2018

Carta d'Identità Elettronica. Come e dove richiederla

Il Sindaco Luciano Marinucci ricorda che dallo scorso 25 gennaio 2018 è possibile richiedere la Carta d'Identità Elettronica presso l'ufficio anagrafe del Comune. La richiesta può essere presentata tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.30, e nei pomeriggi di martedì e giovedì dalle 15.30 alle 17.30. La Carta d'Identità Elettronica, sarà spedita all'indirizzo indicato dal cittadino dal Ministero dell'Interno entro 5 giorni lavorativi.

Per richiedere la Carta d'Identità Elettronica, il cittadino deve recarsi direttamente allo sportello munito di: tessera sanitaria in corso di validità, vecchia carta d'identità (in caso di smarrimento o di furto, se in corso di validità, è necessaria la denuncia esposta ai carabinieri) e fototessera senza occhiali e volto scoperto, scattata da non oltre di sei mesi.

Il costo della Carta d'Identità Elettronica è di euro 22,30. Dovranno essere versati in contanti direttamente allo sportello il giorno stesso dell'invio della richiesta.

 

La Carta di identità elettronica è l’evoluzione del documento di identità in versione cartacea. Ha le dimensioni di una carta di credito ed è caratterizzata da:

  • Un supporto in policarbonato personalizzato mediante la tecnica del laser engraving con la foto e i dati del cittadino e corredato da elementi di sicurezza (ologrammi, sfondi di sicurezza, micro scritture, guilloches ecc.);
  • Un microprocessore a radio frequenza che costituisce:
  • una componente elettronica di protezione dei dati anagrafici, della foto e delle impronte del titolare da contraffazione;
  • uno strumento predisposto per consentire l’autenticazione in rete da parte del cittadino, finalizzata alla fruizione dei servizi erogati dalle PP.AA.;
  • un fattore abilitante ai fini dell’acquisizione di identità digitali sul Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID)
  • un fattore abilitante per la fruizione di ulteriori servizi a valore aggiunto, in Italia e in Europa.

La carta è contrassegnata da un numero seriale stampato sul fronte in alto a destra ed avente il seguente formato: C<lettera><numero><numero><numero><numero><numero><lettera><lettera> (ad esempio CA00000AA). Tale numero seriale prende il nome di numero unico nazionale.

I dati del titolare presenti sul documento sono:

  • Comune emettitore
  • Nome del titolare
  • Cognome del titolare
  • Luogo e data di nascita
  • Sesso
  • Statura
  • Cittadinanza
  • Immagine della firma del titolare
  • Validità per l’espatrio
  • Fotografia
  • Immagini di 2 impronte digitali (un dito della mano destra e un dito della mano sinistra)
  • Genitori (nel caso di carta di un minore)
  • Codice fiscale
  • Estremi dell’atto di nascita
  • Indirizzo di residenza
  • Comune di iscrizione AIRE (per i cittadini residenti all’estero)
  • Codice fiscale sotto forma di codice a barre

La Carta di identità elettronica è principalmente un documento di identificazione: consente di comprovare in modo certo l’identità del titolare, tanto sul territorio nazionale quanto all’estero, ad esclusione della verifica delle impronte per la lettura delle quali è necessario il rilascio dell’autorizzazione da parte del Ministero dell’Interno.

 

La richiesta al Comune

La Carta di identità elettronica può essere richiesta presso il proprio Comune di residenza o presso il Comune di dimora. Il documento può essere richiesto in qualsiasi momento e la sua durata varia secondo le fasce d’età di appartenenza.

Nel dettaglio:

  • 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni;
  • 5 anni per i minori di età compresa tra i 3  e i 18 anni;
  • 10 anni per i maggiorenni.

Il cittadino dovrà recarsi in Comune munito di fototessera, in formato cartaceo o elettronico, su un supporto USB. La fototessera dovrà essere dello stesso tipo di quelle utilizzate per il passaporto. Le indicazioni su come effettuare correttamente la foto sono disponibili nella sezione “Modalità di acquisizione foto”.

È consigliabile, all’atto della richiesta, munirsi di codice fiscale o tessera sanitaria al fine di velocizzare le attività di registrazione (non è necessario presentare altri documenti).

Prima di avviare la pratica di rilascio della Carta di identità elettronica bisognerà versare, presso le casse del Comune, la somma di € 16,79 oltre i diritti fissi e di segreteria, ove previsti, quale corrispettivo per il rilascio della CIE. Bisognerà inoltre conservare il numero della ricevuta di pagamento.

Nel caso in cui il richiedente la CIE sia genitore di minori è necessario che presenti anche dichiarazione di assenso all’espatrio sottoscritta dall’altro genitore o esercente la responsabilità genitoriale, ai sensi della legge n. 1185 del 1967. In alternativa è necessario fornire l’autorizzazione del giudice tutelare. L’assenso ovvero l’autorizzazione del giudice devono essere presentati anche nel caso in cui la richiesta di emissione del documento riguardi il minore.

Il cittadino, nel momento della domanda:

  • In caso di primo rilascio esibisce all’operatore Comunale un altro documento di identità in corso di validità. Se non ne è in possesso dovrà presentarsi al Comune accompagnato da due testimoni;
  • In caso di rinnovo o deterioramento del vecchio documento consegna quest’ultimo all’operatore comunale;
  • Consegna all’operatore comunale il codice fiscale e il numero della ricevuta di pagamento della Carta (se disponibile);
  • Verifica con l’operatore comunale i dati anagrafici rilevati dall’anagrafe comunale;
  • Fornisce, se lo desidera, indirizzi di contatto per essere avvisato circa la spedizione del suo documento;
  • Indica la modalità di ritiro del documento desiderata (consegna presso un indirizzo indicato o ritiro in Comune);
  • Fornisce all’operatore comunale la fotografia;
  • Procede con l’operatore comunale all’acquisizione delle impronte digitali, secondo le modalità consultabili a questo indirizzo  “Modalità di acquisizione impronte”
  • Fornisce, se lo desidera, il consenso ovvero il diniego alla donazione degli organi;
  • Firma il modulo di riepilogo procedendo altresì alla verifica finale sui dati;

 

Il cittadino riceverà la CIE all’indirizzo indicato entro 6 giorni lavorativi dalla richiesta. Una persona delegata potrà provvedere al ritiro del documento, purché le sue generalità siano state fornite all’operatore comunale al momento della richiesta.

Nel caso di impossibilità del cittadino a presentarsi allo sportello del Comune a causa di malattia grave o altre motivazioni (reclusione, appartenenza ad ordini di clausura, ecc.), un suo delegato (ad es. un familiare) deve recarsi presso il Comune con la documentazione attestante l’impossibilità a presentarsi presso lo sportello. Il delegato dovrà fornire la carta di identità del titolare o altro suo documento di riconoscimento, la sua foto e il luogo dove spedire la CIE. Effettuato il pagamento, concorderà con l’operatore comunale un appuntamento presso il domicilio del titolare, per il completamento della procedura.

 

 

14 Feb 2018

Elezioni politiche 2018. Come si vota (video) Campagna di informazione istituzionale

Il 4 marzo 2018 si svolgeranno le elezioni politiche. Gli elettori italiani saranno chiamati alle urne per eleggere i nuovi deputati e senatori del Parlamento. Sono elettori della Camera tutti i cittadini italiani, uomini e donne, che hanno raggiunto la maggiore età. Per votare al Senato è necessario aver compiuto venticinque anni. Il voto è sancito dall’articolo 48 della Costituzione; esso è personale, eguale, libero e segreto. Il suo esercizio è un diritto e un dovere civico. Nel 2018 si voterà per la prima volta con una nuova ed articolata legge elettorale, il c.d. Rosatellum (dal nome del suo relatore di maggioranza). Complessivamente i cittadini italiani aventi diritto al voto sono: 51,2 mln (dato aggiornato al 30 giugno 2017), di cui circa 24,8 mln maschi e 26,4 mln femmine. Sul totale degli aventi diritto al voto, 4,2 mln sono gli elettori stimati, residenti all’estero. I giovani alla prima espressione di voto sono stimati oltre 500 mila. Le ultime rilevazioni sui numeri del corpo elettorale verranno effettuate fra il 17 e il 19 febbraio.

 

 

14 Feb 2018

San Giovanni Teatino ha un nuovo PRG (video)


Il Comune di San Giovanni Teatino ha il nuovo PRG. E' il terzo dal secondo dopoguerra e per questo l'approvazione definitiva dello scorso sabato 3 febbraio 2018, rappresenta un momento storico per la comunità e la politica san giovannese.
Presenti, in Consiglio comunale, tutti i consiglieri di maggioranza di Progetto Comune che hanno votato favorevolmente l'importante  strumento urbanistico che pianifica le fondamentali linee di sviluppo e di crescita di San Giovanni Teatino nei prossimi anni. Ha votato contro il gruppo di San Giovanni Democratica, mentre erano assenti Movimento 5 Stelle e Movimento Insieme PD.
In meno di due anni l'amministrazione Marinucci, con il lavoro di due assessori all'urbanistica, Alessandro Feragalli ed Ezio Chiacchiaretta (in due successive consiliature) è riuscita nell'approvazione definitiva della variante il PRG concludendo in tempi relativamente brevi un iter complesso. Sono state infatti due le  pubblicazioni per consentire le osservazioni dei cittadini. Ora la città ha uno strumento di pianificazione certo e soprattutto chiaro per chi dovrà operare sul territorio nei prossimi anni.

"Il nuovo PRG è un fatto di portata storica per la nostra comunità - commenta il Sindaco Luciano Marinucci - dal Dopoguerra è appena la terza variante approvata. Come Amministrazione non possiamo che esserne più che soddisfatti: è stato un grande lavoro di squadra che ha coinvolto la parte politica ma anche tecnici e cittadini, tutti sospinti dalla visione del buon-vivere. Questa prospettiva è diventata il nostro marchio distintivo e ha reso San Giovanni Teatino un territorio con più risorse, più vivibile e più bello."


"E' un PRG che favorisce lo sviluppo sostenibile, il rilancio delle attività economiche e, soprattutto, la salvaguardia e il miglioramento della qualità della vita dei cittadini - ha commentato l'assessore all'urbanistica Ezio Chiacchiaretta. - In quest'ottica abbiamo compiuto scelte importanti e coraggiose che favoriranno una modernizzazione della città. 140 le osservazioni che abbiamo accolto: sono altrettante opportunità per rilanciare la microeconomia  favorendo l'edilizia residenziale privata.
Abbiamo disegnato uno scenario di sviluppo economico che tenga conto delle vocazioni del territorio quali il commercio. Ci sono ora le condizioni per favorire le attività e sostenere quelle che sono in difficoltà. L'obiettivo è portare nuovo lavoro e benefici in questo territorio.
Qualità della vita e sostenibilità urbana. L'interramento della ferrovia è la nostra scelta più forte e ambiziosa. Offrirà un netto miglioramento della qualità della vita recuperando spazi urbani vivibili nel centro di Sambuceto, oggi di fatto diviso in due.
La rigenerazione del centro della città passa attraverso la delocalizzazione della ex fonderia della ex Saf e dei capannoni industriali.
Per favorire lo sviluppo dell'infrastruttura aeroportuale il PRG dà un forte impulso e sostegno al terziario, prevedendo e agevolando la  riconversione di capannoni industriali.


Rigenerazione del centro urbano, favorendo la demolizione e la ricostruzione, da collegare e completare con la nuova Chiesa e piazza San Rocco".
"Tutta la collina è stata monitorata con  studi di microzonizzazione sismica e Piano di Assetto Idrogeologico - aggiunge Chiacchiaretta - e sarà salvaguardata dall’aggressione dell'edificazione. Resterà completamente agricola con delle aree anche di vincolo.
Tutta la nuova edificazione, invece,  comporterà la cessione alla parte pubblica e quindi al Comune di una quantità sostanziosa di verde, di parcheggi e di spazi pubblici che saranno messi a disposizione dei cittadini"
"San Giovanni Teatino si distingue da anni per i servizi e la qualità della vita che riesce a garantire ai suoi cittadini e residenti, da che molte persone e famiglie si sono trasferiti in questa città decidendo di viverci e far crescere i propri figli. Con questo nuovo PRG - conclude Chiacchiaretta -  vogliamo confermare questo trend, favorendo occasioni di crescita del benessere, perchè San Giovanni Teatino si proietti nel futuro come città guida dell’area metropolitana".

 

13 Feb 2018

Avvicendamento 'rosa' nella Giunta Marinucci

Questa mattina Simona Cinosi, consigliera comunale incaricata per il progetto "Il mondo degli adolescenti", ha sottoscritto il decreto di nomina ad Assessore comunale del Sindaco Luciano Marinucci.

A Simona Cinosi sono state conferite le deleghe: Pubblica Istruzione, Sviluppo del Progetto "Il mondo degli adolescenti", Sanità, Attuazione del Programma e Partecipazione.

Il decreto di nomina fa seguito alle dimissioni dalla carica di assessore, lo scorso 5 febbraio 2018,  di Ester De Nicola chè già il 12 dicembre 2017 aveva rimesso al delega al Bilancio.

Sempre questa mattina, il Sindaco Luciano Marinucci ha conferito la delega al Bilancio all'Assessore Maria Rosaria Elia, già titolare di Tributi, Cultura, Associazioni, Commercio, Semplificazione Amministrativa, Informatizzazione dell’ Ente, Servizi Demografici, Manifestazioni Estive.

"Si tratta di un avvicendamento - spiega il Sindaco Marinucci - nel segno delle donne, componente importante di questa Amministrazione e forza straordinaria. Un grande ringraziamento va a Ester, per l’ottimo lavoro svolto: altri impegni di lavoro non le hanno consentito di proseguire in un ruolo che stava portando avanti con grande capacità e ammirevole determinazione. Un augurio di buon lavoro invece al nuovo Assessore Cinosi e a Maria Elia, per la nuova delega".

12 Feb 2018

Elezioni politiche 2018. Certificazioni ad elettori fisicamente impediti

Il Distretto Sanitario - UOC Francavilla al Mare della ASL 2, in vista delle Elezioni Politiche del 4 marzo 2818, garantirà come di consueto il rilascio dei certificati agli elettori fisicamente impediti c/o l'ambulatorio in contrada Alento di Franvilla al mare.

L'attività sarà garantita oltre che nei tre giorni precedenti la predetta data, dalle ore 9.00 alle 12.00, anche domenica 4 marzo 2018 dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 15.00 alle ore 18.00.

Pagina 1 di 55

Utilizziamo i cookie per migliorare la funzionalità dei nostri siti. Maggiori informazioni privacy policy.

Accetto l'utilizzo di cookies.